TAROCCHI IN ALLEGRIA
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

ARCANO MAGGIORE N. 13 - BEN, LA CANNA

Andare in basso

ARCANO MAGGIORE N. 13 - BEN, LA CANNA Empty ARCANO MAGGIORE N. 13 - BEN, LA CANNA

Messaggio  TRIVIALOZZO Dom 22 Gen 2012, 23:53

ARCANO MAGGIORE N. 13 - BEN, LA CANNA Ben_la10

BEN, LA CANNA è il tredicesimo degli Arcani Maggiori dei Tarocchi dei Maya e rappresenta il seme, la fertilità.

DESCRIZIONE DELLA CARTA
In primo piano compare Ixquic, la dea della fecondità e della sessualità, il cui simbolo è il profumatissimo fiore del frangipane. Di bell'aspetto e dalle forme sinuose e piene, ha naso sottile e lungo, fronte alta ed occhi a mandorla (come tutti gli dei della giovane generazione), grandi seni penduli e lunghi capelli. La accompagnano piante di chiaro simbolismo sessuale e fecondativo, le conchiglie, il mais, i fagioli, i fiori colorati, fra cui il frangipane, che invita ad abbandonarsi alle delizie dell'amore.

Ixquic è la grande dea madre, signora della natura e degli amori, che garantiscono la continuazione della specie. Per questo stringe nella mano il delicato fiore del frangipane, il cui profumo seduttivo ne ha fatto un simbolo dell'eros. La dea è la vergine sposa dell'eroe culturale Hun Hunahpu (fratello gemello di Vucub Hunahpu). Ingravidata grazie alla saliva del dio sepolto negli inferi, attraverso una zucca che penzola da un albero carico di grossi frutti, la giovane fugge di casa, dove la aspettano le ire paterne; accompagnata dai gufi sale sulla terra chiedendo ospitalità alla suocera, acida e sospettosa anche dopo la nascita dei due gemelli Ixbalanque e Hunahpu , al punto che, non credendo alle spiegazioni della ragazza, la sottopone a innumerevoli, terribili prove attaverso le quali è obbligata a dimostrare di essere veramente la moglie di Hun Hunahpu. Anche Ixquic svolge una duplice funzione: é infatti signora della malattia e simultaneamente guaritrice. Oltre lei, dea dell'amore per eccellenza, il pantheon Maya prevede altre figure divine femminili, più tarde e quindi già contaminate dalla tradizione atzeca.

IL SIGNIFICATO SIMBOLICO
La resa incondizionata agli eventi e la fede nell'intervento divino sono una forza che smuove le montagne e rende attuabile anche l'assurdo. Anche nei momenti di assoluta disperazione, quando tutto sembra perduto, c'è sempre una soluzione inattesa al problema, basta cessare di affannarsi, placare l'ira e la fretta e lasciarsi andare alla fede nel divino.

IL SIGNIFICATO DIVINATORIO
Intelligenza, lucidità, chiarezza di intenti, studio, dinamismo, fermezza, bellezza, simpatia, fascino, armonia interiore, trionfo della femminilità, sviluppo, progresso, protezione da parte di una donna. Fortuna, consigli validi, certezza, allegria. Colloquio importante, lettera, notizia. Un incontro determinante sul piano affettivo, un matrimonio felice, prole. Promozione, diploma, arte, musica, benessere materiale. Salute, forza fisica, fecondità, gravidanza desiderata. La moglie, la sorella, una studentezza, una buona consigliera. Figli, nipoti.

I LUOGHI CHE RAPPRESENTA
Biblioteche, università, istituti femminili.

I TEMPI CHE RAPPRESENTA
Venerdì e domenica. Piena primavera ed estate.

IL MESSAGGIO DELLA DEA MAYA PER IL/LA CONSULTANTE
Punta sulla razionalità e sulla conoscenza, senza dimenticare il potere carismatico dello sguardo. Piaci a te stesso e piacerai.

_____________________________________________
Non esiste notte tanto lunga da impedire al sole di risorgere.
La vita è come uno specchio, ti sorride se tu sorridi.
Là dov'è il tuo cuore, là sarà anche il tuo tesoro
TRIVIALOZZO
TRIVIALOZZO
Admin

Messaggi : 3494
Data d'iscrizione : 04.12.10
Età : 49
Località : Cinisello Balsamo (MI)

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.